Brexit is a painful lie – Facce da Brexit

befunky-collage
Protesters outside the Parliament

[ENG] Brexit evolution is leaving everyone really confused.
Firstly, the general uncertainty was connected to the results. Everyone was wondering how the “leave” could have won, after such a big endorsement to the “remain” side and a secret certitude that the UK would never have chosen to exit the EU.
But I think the reality is that UK residents voted and willingly decided their future – just as the greater number of USA electorals voted for Donald Trump and he won. It might sound strange, but it’s true.
The second question was: “The majority wants to leave. Is Brexit happening soon?”. No.
The result was too hard to accept and the establishment is trying every way to delay Brexit, leading to the last question: “Is Brexit gonna happen at all?”.
This is – of course – a heartening comfort to the remain voters.
But with this article I wanted to give the “leave” side a chance to talk after this post- Brexit time, which is definitely knocking them off.
I decided not to interview intellectuals, journalists, economists, self-thaught experts, political celebrities. I wanted to talk with the working class segment and, first of all, let me say this wasn’t easy at all.

There is such a big resentment that even a simple conversation has been really difficult to start and kind of painful to carry on, but, after a brief explanation of the article I wanted to publish, everything went just fine.
Stephen (from Lancashire, 59) claims: “The EU referendum was a long time coming, I feel that the longer we waited for it, the more chance of a leave vote being the way ahead. I was asked recently if I thought the vote was split between the left and the right of the country, for me the leave vote was about survival, about an increasing body of ‘have nots’. A recent project in my town might sum it up. The EU released millions to pay for improvements to the town. Local contractors were brought in and they hired Polish builders. The effect was that the ‘haves’ increased their wealth and the ‘have nots’ gained nothing, except for a nicer area to drink their Carlsburg special brews whilst contemplating the sunset. I left school around the time we became part of the common market, things that I noticed straight away. Jobs became nearly impossible for people that left school in my year, and life got harder. Youth unemployment went from 0 to very high overnight. As RAF aircrew in the 80s I was tasked with fishery protection flights and saw the mass fishing of coastal waters (often using nets known to destroy the sea bed) by EU fishing fleets.
But yet, I wanted to know what the facts were when it came to vote. I wanted facts and I got lies. Both sides lied, but the remain lies were more subtle. The remain side clung to the idea that anyone wanting to control free movement was a racist.
At night I lock my doors not because I hate the people outside, but because I love the people inside. It is the same with my country. Immigration lowers wages, creates ghettos, it raises house rents and prices. Everyone loses except for the top percentage. I looked at the migrant crisis and how it was handled and saw that it was contrary to the Dublin agreement, but Germany did it, so that’s okay. I saw the aggressive handling of the southern EU zone financial problems and how countries like yours (Italy, editor’s note) were thrown to the wolves. Finally I looked up the EU zoning and realised that our extremely valuable service industries were next on the agenda.

Once we had engineers and planners, builders and thinkers – they were made redundant and work in Sainsbury’s and Costa while their jobs are given to cheaper foreign labour. I tried to debate with Remain voters and I found out one thing: personal interests, I want to have cheap holidays, my Mercedes Benz will become too expensive, I want to live in Europe, but come back to the UK for free health care when I retire. About the insults: we get called racists, we are ‘stupid’ because we didn’t attend university and thus we don’t deserve to vote, we are old and we will die soon – our opinion shouldn’t count.
If I’m called a racist for wanting to change a system where we are limited in our trading deals to 27 countries in central Europe, what do you call someone who doesn’t want trade with every continent in the world?
I tried to engage with remain voters, but all I faced was a wall of intolerance, bigotry and personal abuse.
Another leave voter, Adrian (from Wolverhampton, 27) is really annoyed at the British Government: “We won but it seems that there was no point in the vote at all. They are not going to stop until we get a win on the remain side. Look at Richard Branson, he is now going to build a team consisting of Tony Blair, Nick Clegg and various others and fund a campaign to force a second referendum; but what if we win again? Are they going to accept the British public vote this time, or does it stop when a remain campaign wins? What is the point of having a referendum if they can’t accept the result? We do not have any ties to have to sign the article 50 to leave the EU, we can walk at anytime. We want our borders back.

15107438_1260436867353123_1566906527628392384_n
People’s Charter Movement – peoplescharter.org

David thinks Brexit won’t evolve at all: “The present tactics seem to be to delay until the 31st March. But when the 31st March comes along there will be another delay. Everyone knows that if Article 50 is not triggered by 31st march all EU member states have to approve the UK leaving the EU…They are never going to do that – end of story. If you go on Facebook you will see plenty of people that are posting that we are in the EU unlawfully – which, according to our three learned friends in the High Court, is absolutely true as neither the Maastricht Treaty or the Lisbon Treaty were put before Parliament (which according to our three learned judges the government has to do in the case of Treaty change that will affect the laws in the UK). If you look at it a third way we could just walk away. But we don’t – why? It’s all a big stitch up.”
Leavers are organizing a big “peaceful but loud and proud” protest at the Parliament on 23th January 2017. British style.

I will follow up this an interview to the remain side to provide readers with equal treatment. You are welcome to contribute, comment and state what you think, just be polite and respect different opinions!

Federica Prati

[ITA] L’evoluzione della Brexit sta lasciando tutti veramente confusi.
In un primo momento, l’incertezza generale era collegata ai risultati. Tutti si chiedevano come il “leave” avrebbe potuto vincere, dopo un appoggio tale verso il “remain” e una segreta certezza che il Regno Unito non avrebbe mai scelto di uscire dalla UE. Ma penso che la realtà è che la popolazione inglese ha votato e ha deciso il proprio futuro conscientemente – proprio come il maggior numero degli USA electorals ha votato per Donald Trump e conseguentemente lui è il nuovo presidente. Può sembrare strano, ma è vero. La seconda domanda fu: “La maggioranza vuole lasciare. La Brexit accadrà presto?”. No. Il risultato è stato troppo difficile da accettare e i “piani alti” stanno cercando in tutti i modi di ritardare la Brexit, e questo porta all’ultima domanda: “Ci sarà la Brexit alla fine?”. Questo è – ovviamente – un conforto incoraggiante per i sostenitori del “remain”. Ma con questo articolo ho voluto dare voce allo schieramento del “leave” la possibilità di parlare dopo questo periodo post-Brexit , che è sicuramente li sta mettendo a KO. Ho deciso di non intervistare intellettuali, giornalisti, economisti, sedicenti esperti, celebrità schierate politicamente. Volevo parlare con il segmento della classe operaia e, prima di tutto, lasciatemi dire che non è stato affatto facile.

C’è nell’aria un tale risentimento che anche una semplice conversazione è stata davvero difficile da iniziare e alquanto dolorosa da portare avanti, ma, dopo una breve spiegazione della tipologia di articolo che ho scelto di pubblicare, fortunatamente tutto si è risolto per il meglio.

Stephen (da Lancashire, 59) afferma: “Il referendum UE sarebbe dovuto accadere molto tempo fa, e mentre lo stavamo attendendo da sempre più tempo, si avvicinava di conseguenza la possibilità di lasciare l’EU. Mi è stato chiesto di recente se penso che il voto si sia diviso tra la sinistra e la destra del paese, ma per me la scelta del “leave” era una questione di sopravvivenza, causata da un numero crescente di “non abbienti”. Un recente progetto nella mia città riassume la questione. L’UE ha rilasciato milioni per finanziare migliorie alla città. Appaltatori locali sono stati coinvolti e loro hanno assunto costruttori polacchi. L’effetto è stato che gli “abbienti” hanno aumentato la loro ricchezza e i “non abbienti” non hanno guadagnato nulla, tranne che una zona più bella per sorseggiare le loro birre Carlsburg special contemplando il tramonto. Ho lasciato la scuola nel periodo in cui siamo diventati parte del mercato comune, ed ecco le cose che ho notato subito. I lavori diventarono pressochè impossibili per le persone che avevano lasciato la scuola nel mio anno, e la vita diventò più dura. La disoccupazione giovanile crebbe da 0 a molto alta nel giro di una notte. Come membro della RAF (Royal Air Force) negli anni ’80 mi è stato affidato il compito di eseguire voli di protezione della pesca e ho potuto vedere la pesca di massa delle acque costiere (spesso effettuate con ausilio di retini, noti per distruggere il fondo del mare) dalle flotte dell’UE.
Ma, nonostante ciò, io volevo comunque conoscere i fatti quando era tempo di votare. Volevo fatti e in cambio ho ricevuto bugie. Entrambe le parti hanno mentito, ma le menzogne del “remain” erano più sottili. Il lato del “remain” aderiva all’idea che tutti coloro che vogliono controllare la libera circolazione siano razzisti.
Di notte chiudo a chiave le porte di casa non perché io odio le persone fuori, ma perché amo le persone all’interno. Lo stesso vale per il mio paese. L’immigrazione abbassa i salari, crea ghetti, alza gli affitti delle case e i prezzi. Tutti ci perdono ad eccezione del segmento più alto. Ho osservato la crisi dei migranti e come è stata gestita e visto che era in contrasto con l’accordo di Dublino, ma la Germania ha deciso di agire in quel modo, pertanto è okay?! Ho visto il trattamento aggressivo riservato ai problemi finanziari degli stati a sud dell’UE e come i paesi come il tuo (Italia, ndr) siano stati gettati in pasto ai lupi. Infine ho guardato la zona comprendente l’UE e mi sono reso conto che le nostre industrie di servizi di grande valore erano le prossime sulla lista.

Una volta avevamo ingegneri e progettisti, costruttori e pensatori – sono stati licenziati e lavorano da Sainsbury e Costa, mentre i loro posti di lavoro sono dati a manodopera straniera più conveniente. Ho cercato di discutere con gli elettori del “remain” e ho scoperto solo interessi personali: voglio avere vacanze a basso costo, la mia Mercedes Benz diventerà troppo costosa, voglio vivere in Europa, ma tornare al Regno Unito per l’assistenza sanitaria gratuita quando andrò in pensione. Riguardo agli insulti: veniamo chiamati razzisti, siamo ‘stupidi’ perché non abbiamo frequentato l’università e quindi non meritiamo di votare, siamo vecchi e moriremo presto – la nostra opinione non dovrebbe contare.
E se mi chiamano razzista per voler cambiare un sistema in cui siamo limitati nelle nostre offerte commerciali a 27 paesi dell’Europa centrale, come dovrebbe essere chiamato qualcuno che non vuole il commercio con alcun continente nel mondo?
Ho cercato di entrare in contatto con gli elettori del “remain”, ma tutto quello che ho dovuto affrontare è stato un muro di intolleranza, fanatismo e abuso personale“.

Un altro elettore, Adrian (da Wolverhampton, 27), è davvero infastidito dal governo britannico: “Abbiamo vinto, ma sembra che non ci fosse motivo di votare affatto. Loro non si fermeranno fino a quando non otterranno una vittoria. Guardate Richard Branson, ora sta costruendo un team composto da Tony Blair, Nick Clegg e vari altri e desidera finanziare una campagna per forzare un secondo referendum, ma cosa accade se lo vinciamo ancora? Accetteranno il voto dei cittadini inglesi questa volta, o ci si fermerà solo quando la campagna del “remain” vincerà? Qual è il punto di richiedere un referendum se non sanno accettarne il risultato? Non abbiamo alcun legame che ci obbliga a firmare l’articolo 50 per lasciare l’Unione Europea, potremmo uscirne in qualsiasi momento. Vogliamo che i nostri confini siano ristabiliti.

David pensa che la Brexit non si evolverà affatto: “Le attuali tattiche consistono nel ritardare tutto fino al 31 marzo, ma quando il 31 marzo arriverà ci sarà un altro ritardo. Tutti sanno che se l’articolo 50 non sarà reso attivo entro il 31 marzo tutti gli stati membri dell’UE dovranno approvare che Regno Unito lasci l’UE… cosa che non faranno mai – fine della storia. Se vai su Facebook vedrai un sacco di persone che ritengono di essere nell’UE illegalmente – che, secondo i nostri tre barrister nella High Court, è assolutamente vero giacchè né il trattato di Maastricht né il trattato di Lisbona sono stati sottoposti al Parlamento (cosa che invece il governo deve fare in caso di modifica del trattato che interesserà le leggi del Regno Unito). Se lo si osserva da una terza prospettiva, avremmo potuto semplicemente andarcene, ma perchè non lo facciamo? Perché è tutta un gran fregatura“.
I Leavers stanno organizzando una grande protesta “pacifica, ma forte e orgogliosa” al Parlamento il 23 gennaio 2017. In pieno stile British.

Seguirà un’intervista al lato Remain, per fornire ai lettori parità di trattamento. Siete invitati come sempre a contribuire, con commenti e pensieri, vi prego solo di essere educati e rispettare le diverse opinioni!

Federica Prati

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s